In questo libro Ella Maillart (Ginevra 20 febbraio 1903 – Chandolin 27 marzo 1997) narra le sue avventure di quando, da sola, ha viaggiato dalla Svizzera fino all’Asia centrale e ritorno.

Dell’autrice colpiscono subito le avventure e la vita per niente noiosa: vela, hockey su prato e addirittura la partecipazione alle Olimpiadi di Parigi nel 1924. Ma è negli anni Trenta e Quaranta che si afferma la sua fama di grande viaggiatrice – un periodo in cui per una donna viaggiare da sola era al limite dell’impensabile.

A guardarlo il libro non sembra promettere grandi cose, nella sua semplice edizione EDT, ma appena si inizia a leggere diventa difficile staccarsene. Malgrado il ritmo pacato, a cui forse non siamo più abituati, ogni pagina è densa di emozioni, dettagli e informazioni. Ma soprattutto, in ogni pagina si ritrova quel gusto un po’ retrò che i libri di viaggio moderni hanno – per forza di cose – perduto.

Un viaggio lento, ma con gli occhi e la mente bene aperti per assorbire tutto quanto circonda l’autrice-viaggiatrice.

In particolare mi hanno colpito le considerazioni sulla fisionomia delle persone incontrate lungo la strada. A ben rifletterci questo fatto non dovrebbe sorprendere visto che nel 1932, anno in cui ha luogo il viaggio, non c’era ancora la sovrabbondanza di immagini dalla quale siamo ormai quotidianamente sommersi.

Ricordo di aver letto da qualche parte che tra il 2011 e il 2014 è stato scattato lo stesso numero di fotografie prodotto dalla nascita della fotografia al 2011. Il che la dice lunga…

Una cosa invece non sembra cambiata molto: i problemi. Di visti, di permessi (ricordiamo che nel 1932 l’Unione sovietica era una realtà), di mezzi di trasporto e, soprattutto, di soldi. 

Per cui, malgrado la distanza storica e le differenze rispetto all’epoca, chiunque abbia viaggiato anche solo un pochino all’avventura riuscirà in un modo o nell’altro a ritrovarsi anche tra queste pagine.

Se sei prossima a un viaggio da sola in Asia Centrale, ti consiglio fortemente di leggere questo libro. Sono certa che ti sarà di grande aiuto.

Per maggiori dettagli sul libro, clicca QUI.

Buona lettura